Mittwoch, 23.10.2019 03:00 Uhr

Van Gogh e Millet insieme ad Amsterdam

Verantwortlicher Autor: Paola Testoni Amsterdam, 06.10.2019, 22:30 Uhr
Nachricht/Bericht: +++ Kunst, Kultur und Musik +++ Bericht 3295x gelesen
L'opera di Millet Angelus arriva al Museo Van Gogh di Amsterdam
L'opera di Millet Angelus arriva al Museo Van Gogh di Amsterdam  Bild: an-Kees Steenman/SeeItYourself

Amsterdam [ENA] Visitando il museo Van Gogh di Amsterdam ci si imbatte frequentemente in opere dell'artisti ispirate da Jean-Francois Millet. Questa mostra Jean-Francois Millet. zaaier van de moderne kunst non solo sottolinea questo dato ma allarga di parecchio questa influenza appllicandola a tutta l'arte moderna

Il pittore contadino Millet L'artista francese Jean-François Millet (4 ottobre 1814-20 gennaio 1875) ebbe una carriera ricca di eventi ma di successo. Durante la sua vita Millet ricevette spesso critiche sui suoi dipinti, a causa della sua tecnica di pittura radicale e delle critiche sociali che sarebbero state espresse nel suo ritratto della vita contadina. Il miglio è stato visto da artisti e critici come il pittore della dura vita contadina. Poco dopo la sua morte, lo stato francese abbracciò Millet come un eroe nazionale che aveva conquistato la propria campagna in tutta la sua gloria. Questa immagine è stata in parte creata dalla sua biografia romanzata e di successo internazionale dal 1881.

Vero seminatore di arte moderna Millet è oggi ampiamente dimenticato dal grande pubblico e la sua arte è vista come tradizionale piuttosto che moderna e progressista, ma alla fine del 19° secolo era l'artista moderno più famoso al mondo. Il suo lavoro è stato riprodotto su larga scala e lui stesso è stato immortalato in statue. Era un vero seminatore di arte moderna. Generazioni di artisti in tutto il mondo hanno avuto una grande ammirazione per il lavoro di Millet e hanno apprezzato la sua arte per una serie di motivi, sia per le sue composizioni innovative che per la tecnica anti-accademica, a tratti quasi grossolana nell'uso della vernice, dei colori e dei materiali e soprattutto per il suo approccio astratto nella forma, nei temi e

Il seminatore Vincent van Gogh (1853 - 1890), Arles, novembre 1888

composizione. Millet, per esempio, ha descritto i suoi contadini su uno schermo intero e monumentali, rafforzando così il rispetto nei loro confronti, dando loro una dignità nuocva e per quel tempo addirittura rivoluzionaria. Tali composizioni furono immediatamanete da artisti come Vincent van Gogh che vide Millet come un grande esempio e lo chiamò persino "Père Millet" (Padre Millet). 'Per me, Millet è quel pittore moderno essenziale che ha aperto l'orizzonte a molti" Vincent van Gogh scrisse a suo fratello Theo nel febbraio 1884. E quindi non a caso, per la prima volta, una mostra presta esplicita attenzione a come il lavoro del pittore francese Jean-François Millet abbia ispirato molti artisti a livello internazionale.

Opere di un gran numero di artisti internazionali del XIX e inizio XX secolo, come Camille Pissarro, Edgar Degas, Paul Cézanne, Jan Toorop, Edvard Munch, Kazimir Malevich e Salvador Dalí sono raggruppati tematicamente accanto a dipinti, disegni e pastelli di Millet, che l'impatto dell'artista francese può essere visto chiaramente. Molti capolavori La mostra comprende 128 opere, di cui 108 in prestito da musei e collezioni private provenienti, tra gli altri, dal Giappone, dagli Stati Uniti, dalla Francia e dal Messico. Una delle opere più importanti e rivoluzionarie di Millet proviene dal Musée d'Orsay: L'Angelus (1857-1859), che viene così mostrato per la prima volta in assoluto nei Paesi Bassi. Dal Giappone arriva The Sower of Millet

Dal Giappone arriva Il Seminatore di Millet (Yamanashi Prefectural Museum of Art, Kofu) che lascia il paese per la prima volta dal 1977, quando il museo acquistò l'opera. Questa rappresentazione di un contadino che semina fece una grande impressione su Vincent van Gogh, che riprese il tema in diverse opere. Delle 128 opere in mostra, 53 sono di Millet e 18 di Van Gogh, alcune delle quali sono anche opere eccezionali come La Siesta (Musée d'Orsay Paris), La Sera, la fine del giorno (da Millet) (Menard Art Museum Japan), Il Vignero ad Auvers e Scalinata a Auvers (Saint Louis Art Museum) sono ora visibili nei Paesi Bassi.

La mostra Jean-Francois Millet. Seminatore di arte moderna è frutto di una collaborazione con il Saint Louis Art Museum con l'eccezionale supporto del Musée d'Orsay. Nel catalogo che accompagna la mostra, l'opera di Millet è collocata nel contesto di artisti che ha ispirato, tra cui Vincent van Gogh, Claude Monet e Salvador Dalí. Pubblicato da THOTH casa editrice, in collaborazione con il Saint Louis Art Museum. Il libro contiene 208 pagine con 155 illustrazioni ed è pubblicato sia in olandese che in inglese La mostra dura fino 12 gennaio 2020

Für den Artikel ist der Verfasser verantwortlich, dem auch das Urheberrecht obliegt. Redaktionelle Inhalte von European-News-Agency können auf anderen Webseiten zitiert werden, wenn das Zitat maximal 5% des Gesamt-Textes ausmacht, als solches gekennzeichnet ist und die Quelle benannt (verlinkt) wird.
Zurück zur Übersicht
Info.